Il vangelo secondo Matteo: la riforma costituzionale spiegata in eBook

ebook costituzione renzi spiegata bene

Una “guida al voto” per chi vuole capire la posta in gioco: un bignami per andare al seggio e fare una scelta consapevole sul referendum

Abbiamo la datail testo del quesito, il Comitato per il sì e quello per il no. Cosa manca allora? La consapevolezza, la semplice conoscenza dei fatti.

L’Italia si accinge a votare una riforma costituzionale ignota ai più e la battaglia elettorale non promette nulla di buono. Il clima plebiscitario montato attorno al referendum rischia di offuscare il contenuto del progetto Boschi, con tutti i paradossi del caso: l’antipolitico Grillo difende il Senato così com’è; Forza Italia suggerisce la lettura di Travaglio per smontare le balle del Governo; Renzi promette una nuova legge elettorale per ingraziarsi quella minoranza che in teoria avrebbe dovuto rottamare. Tant’è.

Il rischio è abbastanza evidente: un cortocircuito dell’informazione. Continua a leggere

E’ iniziato il dopo Merkel?

Angela Merkel - Chancellor of Germany

L’avanzata dell’Afd a Berlino segna uno spartiacque e mette in crisi l’equilibrio politico consolidato. Seppellire la Cancelliera è però prematuro…

La costante crescita elettorale dell’estrema destra tedesca, il filotto di vittorie conseguite dall’Adf di Frauke Petry, suona come un campanello d’allarme per l’intera Europa. Dietro l’avanzata del movimento euroscettico a Berlino, dietro il trionfo di un partito che ha fatto del contrasto all’immigrazione la pietra angolare della propria proposta politica, si possono intravedere alcuni elementi di rottura destinati a incidere sull’equilibrio dell’intero blocco continentale. Continua a leggere

Turchia, parla Gülen: nessun complotto, io un alfiere della democrazia

Imam Gulen Turkey

Il predicatore religioso, accusato di aver organizzato il golpe di luglio, attacca Erdogan: è lui il vero pericolo

La Feto non esiste, è un’invenzione del governo di Ankara per esercitare con arbitrio i poteri speciali: Fethullah Gülen, dal suo “esilio” in Pennsylvania, non lo dice a chiare lettere, ma lo lascia intuire a Nahal Toosi di Politico, autrice di una pregevole intervista pubblicata dal quotidiano online lo scorso venerdì. Il fondatore dello “Stato parallelo” che, secondo gli uomini della sicurezza turca, avrebbe tramato nell’ombra per rovesciare l’Esecutivo, ha rispedito ai mittenti – ancora una volta – le “infamanti accuse”. Continua a leggere