Spareggio di bilancio, Ibiza e il matrimonio del Porcellum

Pier Carlo Padoan
Pier Carlo Padoan

Il gioco delle tre carte. L’Italia è uscita dalla recessione ma resta un paese bancocentrico: è questo il succo del messaggio consegnato dal ministro Pier Carlo Padoan alla platea del forum Ambrosetti. Il responsabile dell’Economia si è mostrato ottimista sul futuro dello Stivale, sostenendo che la crescita del Pil supererà ragionevolmente lo 0,7%. Da qui l’idea di rilanciare il taglio delle tasse, sia per i cittadini che per le imprese. Bene, bravo, bis. Peccato che la salute dei conti pubblici sia poco incoraggiante: le Regioni hanno accumulato debiti su debiti e adesso, anziché ragionare in termini d’austerità, l’Esecutivo pensa a modificare il complesso dei vincoli previsti dalla legge 243.  Spareggio di bilancio.

Ndo annamo. Questa storia degli applausi ai migranti ci sta sfuggendo di mano. Fino a ieri il Vecchio Continente se ne impipava allegramente dell’emergenza umanitaria in Siria o in Iraq, dell’Isis, del Califfo e delle persecuzioni religiose. Adesso arrivano torte, auto private e proposte di soggiorno a Ibiza per i migranti. Un po’ d’equilibrio, no? Qual è la soluzione nel lungo periodo? La Frontex, bontà sua, tiene alta la guardia: ci sono 30.000 scafisti pronti ad alimentare la tratta degli esseri umani verso l’Europa. Ecco, passata la sbornia del contenzioso fra Budapest e Berlino si dovrà discutere sull’opportunità di una cabina di regia comunitaria. E se la Bce ha sede a Francoforte mentre la Commissione sta a Bruxelles, perché Roma non potrebbe ospitare un Dicastero per i rifugiati?

Io so io e voi… L’Inps denuncia la posizione di rendita dei sindacalisti: le pensioni di chi ha effettuato compiti di rappresentanza sono più alte di quelle dei lavoratori. In media la stima è del 37% in più. Essi “possono vedersi ugualmente versati i contributi (o addirittura lo stipendio) da enti terzi rispetto al sindacato presso cui prestano effettivamente il proprio lavoro” e “possono, prima di andare in pensione, farsi pagare dalle organizzazioni sindacali incrementi delle proprie pensioni a condizioni molto vantaggiose“. La Cgil non ci sta: applichiamo le leggi in vigore. Meschini, lo fanno, ma con la morte nel cuore.

Roma capocciona. Ignaro Marino non molla la fascia tricolore. Lo spirito libero del Campidoglio oggi ha attaccato il Ministro Alfano per il suo sostegno passato a Gianni Alemanno. Pensa tu. Intanto si è sposato Calderoli: guai a dargli del Porcellum.

Rispondi